Tag: Correnti

Sorpresa: I ghiacci artici si ritirarono durante la Piccola Era Glaciale (PEG)!

Sorpresa: I ghiacci artici si ritirarono durante la Piccola Era Glaciale (PEG)!

Qualche tempo fa parlavo con una persona che per lavoro studia il clima ed è sostenitore al 100% delle tesi dell’AGW. Il dibattito verteva sullo stato di salute dei ghiacci artici durante la PEG e oggi. Parlando e riparlando, il sostenitore dell’AGW ha postato un interessante e prestigioso studio sullo stato di salute dei ghiacci artici negli ultimi 1400 anni (disponibile QUI). Apparentemente si trattava di uno studio come tanti altri, finchè non mi sono imbattuto in QUESTE parole circa lo stato dei ghiacci artici durante la PEG (3a pagina dell’Anteprima) Continua a leggere “Sorpresa: I ghiacci artici si ritirarono durante la Piccola Era Glaciale (PEG)!”

Annunci
[reblog] Clima: Come funziona la circolazione atmosferica parte 1

[reblog] Clima: Come funziona la circolazione atmosferica parte 1

Purtroppo oggi e domani sarò fuori casa e impossibilitato a pubblicare nuovi articoli, quindi ribloggo (suddividendolo in due parti) un vecchio articolo in cui si spiega come funzioni la circolazione atmosferica.  Nel precedente post avevo parlato di cosa sia il clima e cosa determini la temperatura dell’aria – che è il principale parametro per descrivere il clima.

Ora però si entrava nel vivo della questione. Avevo parlato di come l’aria si scaldi e si raffreddi, tuttavia ora che sappiamo che esistono masse d’aria calde o fredde, bisogna capire come si muovono e di conseguenza cosa determina le condizioni meteo.

Il discorso era molto semplificato, visto che si tratta di un argomento fisicamente molto complesso. Ho provveduto a dividere l’articolo in due parti: la prima sarà pubblicata oggi e spiegherà come funzioni la normale circolazione atmosferica, la seconda parte sarà pubblicata domani e vedrà come protagonisti i fattori che disturbano questa circolazione creando la nostra variabilità meteorologica.

Continua a leggere “[reblog] Clima: Come funziona la circolazione atmosferica parte 1”

Sorprese sul raffreddamento dell’ Atlantico: un blob genera un altro blob?

Sorprese sul raffreddamento dell’ Atlantico: un blob genera un altro blob?

Si è parlato l’altro ieri di come sia arrivata la conferma che la corrente del Golfo (cioè quel fiume di acqua calda che assieme alla semplice presenza dell’oceano rende l’Europa del Nord relativamente mite a dispetto della sua elevata latitudine) abbia subito un drammatico indebolimento negli ultimi 40 anni. Il segno più evidente sembra essere il fatto che da circa 21 mesi le acque dell’Atlantico del nord sono più fredde della norma (agosto 2015 a parte), che fino ad ora era semplicemente stato considerato un possibile precursore dell’imminente inversione di segno dell’AMO (cioè periodico raffreddamento naturale dell’Atlantico).

Tralasciando per un momento lo scioglimento dei ghiacci polari e groenlandesi e il rallentamento della Corrente del Golfo, cerchiamo di capire cos’altro può esserci in gioco.

Continua a leggere “Sorprese sul raffreddamento dell’ Atlantico: un blob genera un altro blob?”

Confermato: Corrente del Golfo in crisi

Confermato: Corrente del Golfo in crisi

Si parla spesso dell’AMOC, ovverosia di quell’imponente flusso di acqua calda che si muove dal golfo del Messico fino a nord-est della penisola scandinava, che spesso viene definita come Corrente del Golfo (CDG) ed è una piccola parte della circolazione Termoalina oceanica (immagine di sopra). Si tratta di un fenomeno importantissimo nel determinare le temperature oceaniche (e quindi il clima) di tutte le regioni che si affacciano sull’Atlantico del Nord, e che contribuisce a rendere l’Europa del nord molto più mite del normale (ricordiamoci che la Scozia è alla stessa latitudine del Canada). Si è spesso parlato di un suo indebolimento, ma senza mai avere dati definitivi. Ora invece Continua a leggere “Confermato: Corrente del Golfo in crisi”